Il dolore intenso al braccio, avambraccio e che, in alcuni casi, si propaga fino alla spalla, al gomito e al polso, è una delle principali cause della tendinite.

L’infiammazione dei tendini è molto frequente nei pazienti che praticano attività sportive e tra coloro che svolgono lavori pesanti a carico delle braccia.

Quali sono le cause principali e in che modo è possibile combattere la tendinite al braccio? Scopriamolo assieme!

Cause della tendinite al braccio

La tendinite al braccio è una delle patologie dell’arto superiore più diffuse. Come ti abbiamo anticipato, si può manifestare sia tra gli sportivi che tra i lavoratori che utilizzano eccessivamente le braccia.

Non è raro trovare casi di tendinite anche tra gli impiegati e gli operatori che lavorano al pc per molte ore al giorno.

Ma quali sono le cause della tendinite al braccio?

L’infiammazione dei tendini si verifica quando si carica in modo eccessivo la struttura muscolare e tendinea del braccio. Per lo stesso motivo, è possibile riscontrare una tendinite anche in seguito a rigidità muscolare e posture scorrette.

Oltre a queste ragioni, è possibile manifestare una tendinite al braccio anche in seguito a uno stato di affaticamento generale e periodi di stress, che comportano tensioni muscolari e alle articolazioni.

In genere, chi soffre di questa patologia accusa un dolore intenso, soprattutto quando il braccio è in continuo movimento oppure viene sottoposto a carichi eccessivi. Quando il dolore diventa molto acuto, il paziente non riesce a svolgere le attività quotidiane più semplici. Ecco perchè diventa fondamentale ridurre il sintomo doloroso il prima possibile.

Vediamo insieme come fare!

Strumenti utili per combattere la tendinite

Dolore, gonfiore e immobilità, sono i sintomi più diffusi della tendinite al braccio. Il primo suggerimento che vogliamo darti, per riuscire ad alleviare il dolore, è sospendere ogni attività che ha causato la tendinite e tenere il braccio a riposo per favorirne la guarigione.

Se, oltre al dolore, compare anche gonfiore, ti consigliamo di eseguire massaggi linfodrenanti, per permettere ai liquidi di defluire autonomamente.

In ogni caso, fin dalla comparsa dei primi sintomi, è bene rivolgersi al medico di base per valutare insieme la terapia da seguire per una corretta guarigione.

Per ridurre la sensazione di dolore e tenere a riposo il braccio è consigliato utilizzare un tutore che permette di immobilizzare l’articolazione. A tal proposito ti suggeriamo alcuni modelli presenti nel nostro negozio online che possono aiutarti nella scelta del supporto più giusto per te.

Il primo modello è quello proposto dalla FGP, una polsiera steccata ideale nel caso di traumi, tendiniti e fratture.

Polsiera staccata - FGP
Polsiera staccata DTX 02 – FGP

In alternativa, se il dolore interessa la parte alta del braccio, il gomito e l’avambraccio, è più opportuno utilizzare la soluzione proposta dalla Tielle Camp, una gomitiera con elastico compressivo. Questo modello è particolarmente utile per contenere l’articolazione e ridurre la sensazione di dolore.

Gomitiera Elasto-Compressiva - TIELLE CAMP
Gomitiera Elasto-Compressiva – TIELLE CAMP

Sei curioso di scoprire altre soluzioni per ritrovare il benessere del tuo corpo? Visita la pagina del nostro shop dedicata alle ortesi per l’arto superiore e scegli il modello più adatto alle tue necessità!