La spina calcaneare è un disturbo che colpisce il piede, ed in particolare il tallone, provocando fitte dolorose e difficoltà di deambulazione. Proprio per questo motivo è chiamata anche tallonite.

Il disturbo può essere curato con successo, in modo facile e attraverso fasce e tutori specifici. Ma per farlo occorre conoscere bene la patologia. In questo articolo vediamo come si forma, quali sono i sintomi e i tutori più adatti.

Buona lettura! 

Spina calcaneare: ecco come si forma

La spina calcaneare è un’esostosi, ovvero una protuberanza ossea, che può avere diverse cause. Quella più diffusa è l’infiammazione della fascia plantare, proprio nel punto in cui avviene l’inserzione nel tallone. Questo contatto causa a sua volta un deposito di sali di Calcio, che con il passare del tempo si accumulano proprio in corrispondenza del tallone e provocano la crescita del cosiddetto sperone, una calcificazione dura e dolorosa.

Si tratta di una patologia di carattere degenerativo che inizialmente è spesso asintomatica perciò difficile da diagnosticare.

La spina calcaneare può essere anche causata dall’artrosi o dal piede valgo e anche in questi casi è silente e può essere individuata solo con esami specifici come la radiografia. Una visita accurata permette di diagnosticarla con certezza e non confonderla con altre patologie come la fascite plantare.

La protuberanza si sente al tatto solo ad un livello avanzato, ma i sintomi più riconoscibili sono sicuramente e le difficoltà nel camminare o fare sforzo con il tallone. Vuoi conoscere altri sintomi? Allora leggi il nostro approfondimento sul tema.

Fortunatamente questo disturbo può essere eliminato con successo con l’aiuto di un medico specialista. Questo solitamente consiglia l’uso di un tutore specifico. Nel nostro negozio puoi trovare diverse tipologie di supporto. Vediamone alcune.

Modelli di tutore per spina calcaneare

Il tipo di tutore più adatto è sicuramente la talloniera. Il mercato offre tante tipologie in grado di attutire il colpo del tallone contro il suolo quando si indossa la scarpa.

Il primo modello che consigliamo è il plantare in silicone con scarico calcaneare che permette di prevenire il dolore del tallone dato dal contatto brusco con il suolo o altra superficie.

Plantare per tallonite

Può essere usato per dare sollievo ai legamenti e ai muscoli, oltre ad ammortizzare la zona di carico e facilitare la deambulazione.

Se invece desideri un tutore che unisca la cura della fascite plantare e della spina calcaneare ti consigliamo il bendaggio che protegge tutta la zona inferiore del piede.

bendaggio per fascite plantare-spina-calcaneare

Il terzo modello è più semplice e può essere usato a scopo preventivo mentre si cammina o si effettua attività sportiva. Si tratta della tallonetta con foro calcaneare direzionato, che può essere usata per evitare un peggioramento dei sintomi o per evitare la patologia senza rinunciare a fare sport.

Soft-sole tallonetta con foro calcaneare direzionato

Speriamo di averti aiutato con questi consigli. Ora non ti resta che scegliere la talloniera più adatta alle tue condizioni. Non dimenticare di chiedere sempre un consulto medico e buona guarigione!